Appuntamenti di febbraio (7 e 14) a Palazzo Madama

 

IL SECOLO "ALLA MODA": pizzi, parrucche e perle sparse a cura di Il Mulino

Relatore: Maria Giuseppina Muzzarelli

Prima conferenza del ciclo dedicato alla mostra Madame Reali:cultura e potere da Parigi a Torino

Giovedì 7 febbraio ore 17.30

7.JPG

Con il Seicento siamo nel secolo “alla Moda”, come ha scritto Lampugnani nel 1648, nel secolo dei modanti o modeggianti, delle ingombranti gorgiere che isolano il capo dal resto del corpo e dei pizzi elaborati e finissimi. Pizzi che fanno sognare e danno lavoro a impeccabili artigiani. Siamo nell’età degli eccessi, ma anche della piena consapevolezza del fenomeno della moda. Nel secolo delle prime parrucche e di perle sparse: in testa, al collo, sugli abiti, sugli accessori. Siamo nel secolo che ha inventato la parola moda e nel quale hanno vissuto le Madame Reali Cristina di Francia e Maria Giovanna Battista di Savoia Nemours che ci parlano, tramite i ritratti, di loro stesse, dei loro tempi e della moda che è più di “un’usanza che corre”: è un potere, una malattia contagiosa, un gioco ma soprattutto una lingua per comunicare.


Costo della conferenza: € 5; ridotto € 3 (insegnati, studenti, Abbonati Musei)

(pagamento il giorno della conferenza presso la biglietteria).

 

TULIPOMANIA E STORIE DI BULBI BIZZARRI

Per San Valentino si replica la conferenza botanica di Edoardo Santoro

Giovedì 14 febbraio ore 17.30

14.JPG

Visto il grande successo di pubblico e le numerose richieste di partecipazione, che non hanno potuto essere soddisfatte, Palazzo Madama ha deciso di replicare la conferenza di EdoardoSantoro Tulipomania e storie di bulbi bizzarri, che approfondisce gli aspetti storici e botanici di 4 piante, legate a storie e personaggi di ogni epoca: il tulipano, la fritillaria, l’iris e il giglio, che hanno cambiato la vita di molti viaggiatori, giardinieri, biologi e perfino di imperatori!
Il viaggio del tulipano porta prima in Turchia, poi in Austria e Olanda e infine in tutta l’Europa. Nel 1600 nei Paesi Bassi scoppia la “febbre dei tulipani”: di che cosa si tratta? Quali sono state le cause di una delle prime bolle speculative nella storia del capitalismo? E proprio in Olanda il fiore acquisisce casualmente nuove caratteristiche estetiche, da cui derivano le sue fiammature e sfrangiature, che ancora oggi lo rendono rinomato.
L’emblema della Madama Reale Maria Giovanna Battista di Savoia Nemours è invece una fritillaria, pianta apparsa per la prima volta proprio in Italia nel 1553 con il nome di “corona imperiale”. La particolare forma dei fiori e l’altezza significativa della pianta la rendono davvero la regina di ogni giardino. E non bisogna dimenticare che esistono al mondo oltre 100 diversi tipi di fritillaria, uno dei bulbi con i fiori e i colori più particolari.
Francia e Italia condividono l’interesse per il giglio e il suo utilizzo come stemma araldico: è stato per lungo tempo l’emblema dei re di Francia ed è lo stemma della città di Firenze. In realtà, però, si tratta di un iris! E dunque come mai se la pianta è un iris, si parla di giglio?
È solamente una questione di antica nomenclatura latina o ci sono delle precise ragioni storiche?Tutti questi bulbi bizzarri, che hanno molte differenze dal punto di vista morfologico e di coltivazione, non possono mancare nei nostri giardini e terrazzi per la loro grande adattabilità a ogni tipo di terreno, clima ed esposizione solare.

Costo della conferenza: € 5; ridotto € 3 (insegnati, studenti, Abbonati Musei)

(pagamento il giorno della conferenza presso la biglietteria).